Anche a Monteroni si concretizza ufficialmente il “matrimonio” tra il partito di Fratelli d’Italia guidato da Giorgia Meloni e “Direzione Italia” dell’europarlamentare Raffaele Fitto, tra i papabili peraltro per l’investitura a candidato presidente del centrodestra per le elezioni regionali della prossima primavera.

Il consigliere del M5S Antonio Trevisi ha incontrato questa mattina il subcommissario prefettizio di Monteroni, Vincenzo Calignano, per parlare dei progetti e delle iniziative di utilità sociale, che prevedeno il coinvolgimento dei beneficiari del reddito di cittadinanza, presentati dall’esponente pentastellato nei mesi scorsi e messi a disposizione del Comune.

L’ultimo narratore del Salento si è congedato con una cerimonia a sua immagine e somiglianza: laica, asciutta, spontanea e semplice, “così come l’ha voluta lui”.

Ancora uno scippo nel centro abitato di Monteroni. L’episodio si è verificato l’altra sera, intorno alle 19, in via Putignano.

Ha fatto il giro del mondo il servizio fotografico di moda realizzato da Mauro Lorenzo nella storica sala da barba del maestro Pierino Vergori, a Monteroni.

Nasce a Monteroni, ma abbraccerà anche i paesi limitrofi, un “gruppo di lettura”. È un’iniziativa spontanea che vedrà la luce a breve: la bella scommessa è quella di riavvicinare le persone ai libri e, appunto, alla lettura.

Conto alla rovescia per le “regionarie” del Movimento5Stelle che decideranno il nome del candidato presidente dei pentastellati per la Puglia.

La Scuola dell’Infanzia di via Dalmazia dell’Istituto Comprensivo “Salvatore Colonna” di Monteroni compie trent’anni dalla sua inaugurazione: il 7 gennaio del 1990 aprì le sue porte ai tanti bambini che ininterrottamente hanno affollato le sue aule.

La campagna elettorale è già cominciata. A dare l’accelerata, le dimissioni del primo cittadino e l’ennesimo commissariamento.

Non è più tra noi il professore Giovanni Bernardini. Poeta, scrittore, intellettuale impegnato, maestro di intere generazioni.

Un compleanno da record per la signora Antonietta Mendrano, che ha tagliato lo storico traguardo dei 100 anni.

Si è insediato questa mattina, a Palazzo di Città, il commissario prefettizio che traghetterà il comune di Monteroni fino alle elezioni amministrative della prossima primavera.

Pauroso incidente stradale a Monteroni, lungo la Lecce-Porto Cesareo. È successo intorno alla scorsa mezzanotte, all’altezza della curva che si trova tra il distributore di carburanti che si affaccia sulla provinciale e la rotatoria che porta a Magliano.

Diciassette borse di studio finanziate con la riduzione delle indennità degli amministratori comunali. Col taglio dei compensi del 15% di sindaco e giunta, il governo cittadino uscente ha istituito il “premio per gli studenti meritevoli”.

Le dimissioni, come era prevedibile sin dall’inizio, non sono state ritirate. Finisce qui, quindi, l’amministrazione comunale targata “Cambia Monteroni” nata nella primavera del 2015.

Nel complesso dello storico oratorio “Don Bosco” di Monteroni debutta la sede provinciale dell’ente di formazione “Genesis Consulting”. L’inaugurazione è in programma alle 17 del giorno dell’Epifania, alla presenza delle autorità politiche, amministrative e religiose.

Il presepe è un’arte, prima ancora che una passione. Lo sa bene il monteronese Mimimo Invidia, artista e presepista. Una delle sue opere resterà esposta fino al giorno dell’Epifania nel cuore del centro storico di Leverano.

Come afferma Papa Francesco (La notte di Natale: il buon augurio del presepe, Edizioni Terra Santa, Milano 2019), “il presepio e l’albero di Natale sono segni natalizi sempre suggestivi e cari alle nostre famiglie cristiane: essi richiamano il Mistero dell’Incarnazione, il Figlio unigenito di Dio fattosi uomo per salvarci, e la luce che Gesù ha portato al mondo con la sua nascita”.

Proprio il presepe è un momento di costante scoperta e profonda passione che lega Cosimo Invidia, monteronese, e la realizzazione del segno incontrastato del Natale. Mimino, come viene chiamato da tutti, è un “artista del presepe” e tale disinteressata attività gli ha consentito di appropriarsi di una particolare dimensione di bellezza che gestisce attraverso il suo percorso nel realizzare i manufatti. Tecnica, abilità e competenza sono i fattori indispensabili per la buona riuscita del “suo presepe” ricco di tanti particolari che attirano l’attenzione del più distratto passante. Ci sono porte, finestre, lampioncini scintillanti, vicoli stretti, personaggi di ogni tipo: tutto è disposto nel rispetto della dimensione e della coerenza mediante i suoi materiali preferiti quali legno scolpito in bassorilievo, compensato e polistirolo.

Mimino Invidia ci tiene a sottolineare i “valori” di questa sua passione: “È un interesse nato sin da piccolo e tramandato dai miei genitori i quali dedicavano tanta cura e attenzione nella costruzione del nostro presepe”. I suoi presepi possono essere visitati dal 4 al 6 gennaio nel centro storico di Leverano (Presepe “Università Terza Età” – Via Greci) all’interno di “Natale con i tuoi”, rassegna di eventi curata dall’omonima Amministrazione Comunale. 

 

 

Pagina 1 di 85

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale
TGMonteroni.it
Supplemento online di totemgiornale.it - Registrato al Tribunale di Lecce N° 22/2012 - Direttore Responsabile: Vincenzo Paticchio - Direttore Editoriale: Eleanna Bello

WebMaster: EiX.it