Merce contraffatta e ricettazione, in carcere un ambulante condannato in via definitiva

Dovrà scontare una condanna a 3 anni e 8 mesi di reclusione per i reati di introduzione e commercio di merce contraffatta, nonché di ricettazione.

Un commerciante di 54 anni, S.M., originario del Senegal ma residente a Monteroni, è finito in carcere per espiare la pena comminata con una sentenza passata in giudicato. L’ambulante, prima di giungere nel Salento, ha lavorato anche al nord, come in Piemonte ed Emilia Romagna. Trattava articoli di abbigliamento, calzature, occhiali da sole e accessori. Tutta merce griffata, almeno apparentemente.

In realtà, di originale c’era ben poco. Il commerciante, infatti, in diverse zone dello Stivale ha incassato numerose denunce per aver venduto, per le strade e nei mercatini di alcune città italiane, articoli e accessori dei migliori brand, che però erano contraffatti oppure di provenienza illecita. Pertanto, dopo la condanna definitiva a 3 anni e 8 mesi, nelle scorse ore i carabinieri della stazione di Monteroni lo ha rintracciato e arrestato in esecuzione dell’ordine di carcerazione emesso della Procura della Repubblica di Lecce. Espletate le formalità di rito, l’ambulante 54enne è stato condotto presso la casa circondariale di Borgo San Nicola.

BURSOMANNO

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale
TGMonteroni.it
Supplemento online di totemgiornale.it - Registrato al Tribunale di Lecce N° 22/2012  - Direttore Editoriale: Eleanna Bello

WebMaster: EiX.it