Dramma in paese: muore mentre fa footing, addio al finanziere Giovanni Valentini. Disposta autopsia

Dolore e sgomento in paese per l’improvvisa scomparsa di Giovanni Valentini, finanziere di 52 anni di Monteroni, nonché sportivo e atleta amatoriale. È stato colto da malore mentre stava facendo footing. Si è accasciato ed è morto.

La tragedia si è consumata nel primo pomeriggio di sabato 8 febbraio, intorno alle 13.45, in via Vore, confini con il territorio di San Pietro in Lama. Un dramma che ha distrutto la sua famiglia. Un lutto che ha attraversato la comunità cittadina, il mondo dello sport locale, i tanti amici come i suoi colleghi “baschi verdi”.

Giovanni Valentini, appuntato scelto della guardia di finanza in servizio presso il comando provinciale di Lecce, lascia la moglie e due figli. Il suo cuore ha smesso di battere all’improvviso mentre era alle prese col suo solito allenamento che effettuava nel tempo libero. Nel momento del malore era da solo. Si è accasciato per strada per un arresto cardiocircolatorio che purtroppo non gli ha lasciato scampo.

È stato un automobilista di passaggio ad allertare i soccorsi, ma all'arrivo dell’ambulanza e del personale del 118 per l’uomo non c’era più nulla da fare. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri della locale stazione. Sentito il pm di turno, la salma è stata condotta nell'abitazione dell’uomo. Tuttavia, la famiglia ha poi chiesto ulteriori accertamenti per poter stabilire con certezza le cause del decesso. Il feretro, quindi, è stato trasferito presso la camera mortuaria dell’ospedale Vito Fazzi di Lecce, a disposizione dell'autorità giudiziaria. Toccherà, poi, al magistrato competente affidare l’incarico al medico legale, che nei prossimi giorni svolgerà l’esame autoptico sul corpo di Giovanni.

Valentini era uno sportivo, un atleta amatoriale che si sottoponeva ai controlli di routine. E ieri, come accadeva con regolarità, stava praticando attività sportiva all’aperto: si stava allenando facendo jogging. La corsa e il calcio erano infatti le sue grandi passioni. Da giovane aveva calcato i campi come giocatore delle serie minori e anche ora continuava a scendere in campo come calciatore amatoriale. Impegnato nel sociale e nella formazione dei ragazzi, era dirigente e anima della società sportiva “Futura Monteroni”.

Numerosi i messaggi di cordoglio. E in un post affidato a Facebook, le lacrime e l’addio struggente dei suoi compagni di avventura: “Ancora non riusciamo a crederci. Te ne vai cosi all'improvviso - scrivono gli amici della Futura - lasciando un vuoto incolmabile, caro Giovanni. Ti ricorderemo sempre per l'entusiasmo che hai trasmesso a tutti noi in questi lunghi anni insieme, uniti come una grande famiglia. Sei stato, sei e sarai sempre uno di noi. Continua a sostenerci ovunque tu sia. Ciao, fratello!”

BURSOMANNO

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale
TGMonteroni.it
Supplemento online di totemgiornale.it - Registrato al Tribunale di Lecce N° 22/2012  - Direttore Editoriale: Eleanna Bello

WebMaster: EiX.it