Centro della salute, Manca: “Sia intitolato al dr. De Carlo”. UniAMOnteroni: “Progetto snaturato”

Il primo luglio debutta il “Centro della salute” del rione dell’Assunta. E l’opposizione rivolge un appello affinché la struttura sia intitolata al dottore Alfonso De Carlo, medico ortopedico scomparso prematuramente e improvvisamente due mesi fa.

Più di un lustro fa, nelle vesti di consigliere comunale e poi assessore alla sanità, fu proprio lui a muovere i primi passi del lungo percorso che ha portato alla realizzazione del Centro (LEGGI ARTICOLO) che sorge alle spalle della Casa dello studente di Monteroni. A lanciare la proposta è il consigliere di minoranza, Massimiliano Manca (Volontà Popolare - Fratelli d’Italia). “Dopo anni di lunghe attese si appresta ad aprire finalmente il nuovo Centro della Salute. Una struttura - evidenzia Manca - fortemente voluta dal compianto Alfonso De Carlo a cui spetta il merito di quella grande intuizione che con grande spirito di abnegazione ha portato avanti da amministratore comunale prima e da medico e grande uomo dopo. A lui va il mio personale ringraziamento al pari della mia collega Mariolina Pizzuto che ha saputo diligentemente portare avanti il progetto del Centro che a brevissimo sarà a servizio dei nostri concittadini. Un solo grande rammarico: l'assoluta mancanza di memoria storica e di rispetto per chi ha voluto tutto questo. Il nuovo Centro sia intitolato al dottore De Carlo quale atto di riconoscenza nei confronti di chi ha sempre amato Monteroni e i monteronesi”.

Intanto, scoppia la polemica e “UniAMOnteroni” attacca il sindaco Angelina Storino e l’amministrazione comunale.

“Sentiamo il dovere - afferma una nota del movimento politico guidato da Mariolina Pizzuto, ex vicesindaco e attuale consigliera di minoranza - di fare delle precisazioni riguardo all'ultimo comunicato stampa del sindaco. Tempo fa ci siamo mobilitati per conoscere lo stato dei lavori e la reale esecuzione del progetto. Eravamo molto preoccupati che l’idea originaria venisse snaturata e così è stato. Il sindaco, per nascondere problemi più seri come ad esempio il ritiro di un progetto in consiglio comunale e la mancanza di una solida maggioranza, continua a spostare l’attenzione e prende in giro i cittadini. La strumentalizzazione di oggi - sostiene UniAMOnteroni - riguarda l’apertura del centro della salute, concepito, progettato e iniziato con ben altri obiettivi da chi c’era prima di lei. La verità è un’altra. Purtroppo si procede esclusivamente allo spostamento della Guardia Medica e all'attivazione di uno sportello LILT, tutto il resto non viene nemmeno menzionato, come ad esempio le vaccinazioni e il PUA”,ovvero la porta unica di accesso al sistema integrato dei servizi sociale e sanitari dell’Asl e del Comune. “Si continua solo a fare promesse per il futuro. L’uso dei verbi in politica è molto importante, per questo consigliamo al sindaco e alla maggioranza di iniziare ad usare il presente nei comunicati, perché per il futuro non c’è più tempo”, conclude la nota del movimento.

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale
TGMonteroni.it
Supplemento online di totemgiornale.it - Registrato al Tribunale di Lecce N° 22/2012 - Direttore Responsabile: Vincenzo Paticchio - Direttore Editoriale: Eleanna Bello

WebMaster: EiX.it