100x100 - SUPERBRAVI DI CASA NOSTRA
Ecco la “Carica dei 100”. Gli esami di maturità si sono appena conclusi. E con una serie di interviste conosciamo i “superbravi” di Monteroni che si sono diplomati con il massimo dei voti. Per scoprire insieme chi sono le giovani eccellenze: sogni, emozioni, ambizioni e passioni dei nostri “geni”. E soprattutto che cosa c’è nel futuro, tra prospettive universitarie e professionali, dei monteronesi doc che con impegno e sacrifici si sono fatti valere nel loro percorso di studi. (m.c.)

(Appello ai lettori: per segnalare gli studenti di Monteroni che hanno preso 100 alla maturità scrivete a info@tgmonteroni.it)

La carica dei 100. Matilde e la Lode: un futuro da neurologa, continuando a suonare il flauto

Matilde Attanasio, nata il 7 agosto 2000, è un’altra giovane eccellenza che frequenta anche il Conservatorio. Intanto, si è diplomata al Liceo Scientifico “Cosimo De Giorgi” di Lecce. E per lei, oltre al massimo dei voti, anche la Lode come coronamento di un brillante percorso di studi. Il suo sogno? Studiare gli effetti della musica sul sistema nervoso.

Matilde, complimenti per il risultato. Cosa porterai con te di questi cinque anni di liceo?

Sicuramente tutto ciò che ho imparato, la riconoscenza nei confronti di chi mi ha insegnato e l'affetto e l'amicizia dimostrati dai compagni.

Come si arriva a prendere 100…e lode?

Con tanto amore verso lo studio e la passione verso la conoscenza che mi ha portato a fare tanti sacrifici (ben ripagati con il 100 e Lode), tenuto conto che ho contemporaneamente frequentato anche il secondo anno accademico del Conservatorio di Lecce. 

Come è stato l’approccio con il nuovo esame di maturità e soprattutto con la prova orale?

All'inizio ero un po' spaventata per la seconda prova visto che era il primo anno con Matematica e Fisica insieme. Per quanto riguarda l’orale non ho avuto molta difficoltà perché sin dalle scuole elementari, grazie alla mia maestra Nadia Adorno, ho imparato a portare avanti uno studio approfondito facendo collegamenti fra tutte le materie per avere una visione globale.

Parlaci delle tue passioni.

Ho un'unica grande passione che è quella per il flauto, passione coltivata fin dalle scuole medie e portata avanti ancora oggi con il conservatorio.

Il tuo libro preferito e l’ultimo che hai letto.

Il mio libro preferito è "Storia di una ladra di libri", invece l'ultimo che ho letto è "1984" di George Orwell, entrambi infatti trattano di un argomento molto discusso e attuale: i totalitarismi.

Mentre qual è il tuo film preferito? E l’ultimo che hai visto?

Il mio film preferito è "La musica nel cuore-August Rush" mentre l'ultimo visto è "Edison-L'uomo che illuminò il mondo".

Torniamo al futuro: cosa ti attende adesso?

Ho intenzione di provare il test d'ammissione per Medicina e contemporaneamente concludere il conservatorio prendendo la laurea triennale in Flauto traverso.

Domanda cult: cosa farai “da grande”?

Il mio sogno sarebbe quello di specializzarmi in Neurologia, studiare gli effetti della musica sul sistema nervoso e se fosse possibile mi piacerebbe anche continuare a suonare il flauto in qualche orchestra, magari saltuariamente.

E dove immagini la tua vita familiare e lavorativa? Qui o altrove?

Se qui in Italia mi permetteranno di conciliare le mie due aspirazioni sarò felice di restarvi, altrimenti sarò pronta per andare all'estero.

Vota questo articolo
(1 Vota)
Devi effettuare il login per inviare commenti

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale
TGMonteroni.it
Supplemento online di totemgiornale.it - Registrato al Tribunale di Lecce N° 22/2012 - Direttore Responsabile: Vincenzo Paticchio - Direttore Editoriale: Eleanna Bello

WebMaster: EiX.it