Tangenti per gli appalti di Cerano? A processo anche l’imprenditore di Monteroni che svelò il sistema

Sette persone sono state rinviate a giudizio dal gup di Brindisi per reati di corruzione contestati a vario titolo: si tratta di un imprenditore di Monteroni, di cinque ex dipendenti Enel e di un dirigente all’epoca dei fatti della centrale termoelettrica di Cerano.

L’imprenditore che andrà a processo risponde al nome di Luigi Giuseppe Palma, di Monteroni, che denunciò il sistema di mazzette finendo anche nel mirino di intimidazioni e agguati (LEGGI ARTICOLO). Proprio grazie alle rivelazioni del titolare della ditta “Palma Asfalti”, la guardia di finanza e la procura di Brindisi hanno acceso un faro su un presunto giro di tangenti negli appalti della centrale “Federico II”. Insieme a Palma andranno a giudizio Domenico Iaboni, Carlo Depunzio, Fabiano Attanasio, Vito Gloria e Nicola Tamburrano e Fausto Bassi.

La società Enel, che aveva presentato un esposto sui fatti contestati, si è costituita parte civile. Il processo inizierà il 29 maggio prossimo dinanzi al Tribunale di Brindisi in composizione collegiale. I cinque dipendenti Enel, nel frattempo, sono stati licenziati.

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale
TGMonteroni.it
Supplemento online di totemgiornale.it - Registrato al Tribunale di Lecce N° 22/2012 - Direttore Responsabile: Vincenzo Paticchio - Direttore Editoriale: Eleanna Bello

WebMaster: EiX.it