Grave perdita per la comunità di Monteroni: si è spento il medico ed ex sindaco Mario Salvatore Pati. Aveva 93 anni. Un esempio che mancherà alla città.

Un furto sfociato nel sangue con l’omicidio di una guardia giurata. Era la notte del 25 luglio 1979. E ora a quarant’anni di distanza da quel delitto rimasto senza colpevoli, la figlia della vittima chiede la riapertura dell’inchiesta che fu archiviata all'epoca con un nulla di fatto.

Intervento all'esofago e riabilitazione perfettamente riusciti per una piccola di due anni che ora mangia normalmente e oggi tornerà a casa.

Attimi di terrore, nel pomeriggio di oggi, a Porto Cesareo, nel tratto di mare dello stabilimento balneare “Le Dune”. Un giovane di Monteroni, L.S., di 22 anni, è stato trasportato al Vito Fazzi di Lecce in codice rosso dopo un tuffo (o una capriola) compiuto in uno specchio d’acqua dove il fondale è alquanto basso. È successo intorno alle 16.

Domenica di sport e di festa per i ragazzi dell’oratorio San Giovanni Paolo II della parrocchia Maria SS. Ausiliatrice di Monteroni. La squadra di giovanissimi ha infatti disputato quest’oggi, a Bari, le finali del torneo regionale di “Calcio a 7” organizzato dall’Anspi.

Operazione dei carabinieri di Cosenza contro un sistema che fabbricava titolo di studio falsi per accedere all’insegnamento: 58 docenti di tutta Italia sono accusati di avere presentato attestazioni e diplomi taroccati per essere assunti a scuola.

“Nessun atto volontario, ma una repentina manovra ad U con l’auto”. L’automobilista che guidava il suv che ha investito il cane “Biondo” si difende. E ieri si è presentato dai carabinieri della stazione di Monteroni, che indagano sull’accaduto, insieme al suo legale, l’avvocato Alessandro Favale.

L’uccisione dell’amico a quattro zampe Biondo ha colpito al cuore tutta la comunità monteronese e non solo. A muoversi per chiedere giustizia è anche il gruppo consiliare “Volontà popolare” che chiede la costituzione come parte civile del Comune, qualora si andasse a processo per quanto accaduto.

Sdegno e ribrezzo. In certi casi la vera bestia è l’uomo. E quello che è accaduto la notte scorsa a Monteroni è un esempio di indicibile vergogna umana. Qualcuno ha investito con l’auto un cane che dormiva e lo ha ucciso. Dalle immagini catturate da una telecamera installata dagli animalisti sembrerebbe un chiaro gesto intenzionale. 

Sei militari di Monteroni, deportati durante la seconda guerra mondiale, hanno ricevuto la medaglia d’onore del presidente della Repubblica: un riconoscimento alla memoria conferito dal capo dello Stato Sergio Mattarella per non dimenticare il sacrificio della loro libertà (e anche della loro vita) negli orrori della deportazione e della prigionia.

Pagina 1 di 92

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale
TGMonteroni.it
Supplemento online di totemgiornale.it - Registrato al Tribunale di Lecce N° 22/2012 - Direttore Responsabile: Vincenzo Paticchio - Direttore Editoriale: Eleanna Bello

WebMaster: EiX.it