La Cina “incorona” Pellè. Papà Roberto: “Sono felice, lo merita”

Graziano Pellè ha conquistato i cinesi. Un’accoglienza da brividi al suo arrivo in Cina:  più di 2000 persone all’aeroporto di Jinan davanti agli occhi del calciatore salentino e della fidanzata Viktoria Varga. Ma non solo.

La modella è stata omaggiata con dei fiori, mentre altri gruppi di tifosi hanno intonato cori e innalzato striscioni di benvenuto. “Lo hanno accolto come un imperatore - dice il padre Roberto Pellè - e ci aveva già parlato a gennaio di questa possibilità ma lo abbiamo lasciato scegliere da solo. Questa nuova avventura è entusiasmante, a mio figlio piacciono le sfide. Ci ha chiamato appena arrivato ed era contento perché lo hanno veramente osannato come un imperatore. Sono felice per Graziano: se lo merita. Ormai è apprezzato sempre più all’estero che in Italia, non penso che si leccherà molte ferite”.
E sul super-ingaggio di 38 milioni per due anni e mezzo, papà Roberto è lapidario: “Se li merita tutti. Non si risparmia mai. In campo poi dà sempre tutto, è un professionista serio. Al di là di quello che dicono certi giornalisti, che lo hanno affossato per un rigore sbagliato. Una critica ingenerosa”, commenta Pellè-senior, che ritorna su quel tiro dal dischetto contro la Germania che tanto ha fatto discutere. “Quando si è seduti in tribuna o sul divano tutto è facile: è facile tirare i rigori, è facile giudicare. Ma in quelle situazioni, quando sei sul campo, la porta - evidenzia il papà di Pellè - si fa di un metro. E io lo posso dire perché ho giocato a calcio. Qualsiasi persona di buonsenso giudica Graziano dalle prestazioni che ha fatto e non da un rigore sbagliato. E gli sviluppi di questi giorni dimostrano come al solito la realtà sia diversa: Graziano è quotatissimo e ammiratissimo all’estero, mentre in Italia si continua a fare gli schizzinosi”.
A Graziano Pellè spetta quindi il compito di predicare gol e assist, per un mercato che sta conoscendo le gesta calcistiche solo da alcuni anni, e che è in piena trance agonistica nel ricercare campioni o fenomeni da ricoprire d’oro per sentirsi subito tra i top mondiali. Spetterà proprio al monteronese ripagare lo Shandong Luneng in campo per confermare alla società la bontà dell’investimento e ai tifosi la gioia con cui hanno accolto lui e la splendida fidanzata. Già in aeroporto la folla si è dimostrata entusiasta all’arrivo dell’ex punta del Southampton, e considerando che lo Shandong è un club che naviga nelle ultime posizioni della Serie A cinese, si è capito fin da subito quante speranze i tifosi abbiano riposto in questo acquisto.

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale
TGMonteroni.it
Supplemento online di totemgiornale.it - Registrato al Tribunale di Lecce N° 22/2012 - Direttore Responsabile: Vincenzo Paticchio - Direttore Editoriale: Eleanna Bello

WebMaster: EiX.it