Si è riunito il Consiglio: Dup, “conflitti” politici e Manfreda capogruppo

È tornato a riunirsi, lunedì sera, il Consiglio comunale di Monteroni. Tra le novità, annunciate in apertura dei lavori, la nomina del nuovo capogruppo di maggioranza: si tratta di Giorgio Manfreda,

che subentra a Vincenzo Toma, divenuto assessore nel rimpasto dello scorso luglio.

Tuttavia, l’ultima assise cittadina ha di fatto ufficializzato anche un nuovo assetto politico, visto che i tre dissidenti - ovvero la consigliera Tiziana Lezzi e i due ex assessori Mimmo Quarta e Noemi Puce (che dopo la loro estromissione dalla giunta hanno dato vita al gruppo misto) - hanno votato su alcuni punti cruciali insieme con l’opposizione e contro la compagine di governo.

E la stessa Lezzi (Udc) ha rotto il silenzio e in merito alla rimodulazione dell’organo di governo ha chiarito la sua posizione con un duro intervento: “Non condivido il percorso intrapreso che ha stravolto il progetto della lista Cambia Monteroni. Non siamo chiamati a svolgere l’ordinaria amministrazione, ma a portare avanti un progetto politico - ha detto Lezzi - che ci permette di non navigare a vista e di porre le basi per qualcosa di diverso che abbia un senso e una progettualità di ampio respiro. Se c’è un nuovo progetto, io non lo conosco. Ed esprimo quindi tutto il mio dissenso. Ed è un dissenso che ha una valenza chiaramente politica. Non ci saranno, peraltro, contraccolpi sulla tenuta della maggioranza che, come ha sottolineato qualche consigliere, ha i numeri per andare avanti”.   

Numeri, tuttavia, ridotti al minimo sindacale: l’esecutivo si regge su un voto visto che ha dalla sua giusto 9 seggi (su 17).

“Ringrazio chi mi ha indicato in questo nuovo ruolo, e rispetto chi ha deciso di non approvare questa scelta interna alla maggioranza. Mi auguro, tuttavia, che si continui a lavorare nel solco del mandato ricevuto dagli elettori”, ha affermato Manfreda. 

Intanto, nel merito dei punti all’ordine del giorno, scontro tra maggioranza ed opposizione sulla mozione (in cui si chiedeva di sancire pari dignità tra i comitati festa del paese) presentata da “Volontà Popolare” in merito ad un presunto conflitto di interessi dell’attuale assessore alla cultura Antonio Madaro, accusato di “aver partecipato alla costituzione del comitato per la festa patronale, sostenuto poi da un finanziamento erogato dal Comune”.

Il capogruppo Lino Guido ha chiesto l’invio degli atti all’Anac, “insieme ad alcuni messaggi che proverebbero l’incompatibilità di Madaro con le sue deleghe”, e una presa di posizione da parte del sindaco nel solco della “trasparenza”. Sulla stessa lunghezza d’onda l’altro capogruppo di minoranza, Marcello Manca (Città attiva): “Pur non essendoci un interesse personale dell’assessore, si è creato comunque una confusione di ruoli. Basterebbe rivedere le deleghe di Madaro in seno all’amministrazione per dare mettere a tacere tutti i sospetti”.

“Nessun favoritismo e non faccio parte di alcun comitato. Rispetto agli altri anni, il Comune - è stata la replica di Madaro - ha concesso un finanziamento addirittura inferiore al Comitato Sant’Antonio, mentre ad altri comitati il budget è stato invece aumentato. La festa patronale di quest’anno è stata la più bella e partecipata degli ultimi decenni. Probabilmente questo ha dato fastidio a qualcuno. Sollecito anch’io e ben venga l’invio degli atti all’Anticorruzione”.  

“È stata la prima amministrazione - ha aggiunto l’assessore al bilancio, Vincenzo Toma - che ha agito nei vincoli di un regolamento riguardo ai contributi per le feste religiose. Seguendo il ragionamento delle opposizioni, mi chiedo da quanti anni questo Comune e altri limitrofi a Monteroni sono stati e sono tuttora in conflitto di interessi visto che consiglieri comunali addirittura hanno presieduto e presiedono i comitati della festa patronale. È una polemica inutile”.

La mozione è stata poi bocciata con i 9 voti della maggioranza. I dissidenti hanno invece votato a favore insieme alla minoranza (Tranne Quarta che ha abbandonato l'aula prima della votazione). Così come è accaduto anche in merito a due debiti fuori bilancio e al Dup, documento unico di programmazione, dove tutti e tre hanno votato contro la maggioranza.

Guido e Manca hanno puntato il dito sui “tagli” relativi all’eliminazione del potenziamento “della videosorveglianza, proprio nel momento in cui in paese si registrano raid incendiari, e sullo stanziamento di zero euro in alcuni settori strategici”. Dal canto suo, l’assessore Toma ha ribadito “la necessità di contenere la pressione fiscale, ma soprattutto la priorità di investire in opere e servizi”. E sul caso delle telecamere, ha sottolineato “l’urgenza di ripristinare la funzionalità di quelle esistenti.

Acceso botta e risposta, infine, anche sull’interrogazione sui lavori e le condizioni di sicurezza degli edifici scolastici. Guido ha lamentato l’assenza di alcune certificazioni, come quelle antincendio, e collaudi risalenti agli anni Ottanta, chiedendo agli uffici di attivarsi per un immediato sopralluogo dei Vigili del fuoco nelle scuole del paese.

Infine, in merito al caso dei roghi dolosi di auto e mezzi edili accaduti a Monteroni negli ultimi quindici giorni (LEGGI ARTICOLO), le forze politiche hanno espresso solidarietà agli imprenditori, artigiani, commercianti e cittadini colpiti. Il sindaco Angelina Storino ha annunciato che si confronterà con i vertici della Prefettura per valutare la situazione, mentre le opposizioni hanno invocato inoltre la convocazione di un Consiglio comunale monotematico. Sulla questione, nei giorni scorsi, al di là della cronaca, si è soffermato anche TgMonteroni.it con un editoriale dedicato alla recrudescenza del fenomeno (LEGGI EDITORIALE).

È mancato invece il numero legale sull’argomento relativo al protocollo d’intesa per la concessione all’Asl di un immobile, adiacente alla Casa dello Studente, che sarà adibito a “Centro per la salute”. Il punto sarà approvato quindi mercoledì 5 ottobre alle 18, durante la seconda convocazione.

BURSOMANNO

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale
TGMonteroni.it
Supplemento online di totemgiornale.it - Registrato al Tribunale di Lecce N° 22/2012  - Direttore Editoriale: Eleanna Bello

WebMaster: EiX.it