Opposizioni con Udc e Fdi contro l'Amministrazione Storino: “Paese alla deriva”

Si è svolto ieri sera, in Piazza Monte Sabotino, l’incontro pubblico organizzato dalle forze di opposizione insieme con i consiglieri della maggioranza che da mesi ormai hanno assunto una posizione critica nei confronti dell'esecutivo.

Oggetto dell'incontro, moderato da Vincenzo Corona e trasmesso via streaming, i risultati ottenuti nei primi due anni di mandato dall'amministrazione guidata dal sindaco Angelina Storino.

Alla presenza di quasi 200 cittadini c'è stata l'occasione per esprimere pareri e giudizi su questi primi 20 mesi di governo. Ad aprire il dibattito il segretario cittadino Udc Damiano Prete, che ha definito i consiglieri e i partiti del gruppo misto “critici, più che dissidenti, rispetto alla situazione ed all’evoluzione della politica nel territorio monteronese”. Ed ancora: “L’Udc insieme a Fdi -  ha proseguito - ha portato più di 2000 voti a quest’amministrazione. Chiediamo rispetto. Sia per i giovani che si affacciano alla politica con ottime proposte, sia per i cittadini di Monteroni”.

Tra gli interventi introduttivi anche quello del segretario cittadino di Fratelli d'Italia, Livio Pisanò che ha dichiarato: “Quando si stringono dei patti politici all’interno di un’amministrazione, devono essere rispettati. L’unico finanziamento (120mila euro) ottenuto in soli sei mesi è dovuto all’impegno dell'ex assessore Noemi Puce. Cosa avrà fatto allora di tanto sbagliato per essere stata rimossa dalla giunta? Il paese è nel degrado totale: le strade sono dissestate, ma l’assessore ai lavori pubblici dov’è? La giunta è ferma. E in tanti sono lì a scaldare la sedia”.

Poi l’intervento del capogruppo di Città attiva Marcello Manca:Il dialogo con i cittadini - ha rincarato l’ex sindaco - è una caratteristica estranea all'azione dell’attuale amministrazione: quando qualcuno rimane in silenzio è perché ha poco da dire. E quando due gruppi politici che hanno contribuito alla vittoria elettorale prendono le distanze, allora significa che c’è qualcosa che non va”. Ed ancora: “Si è scoperto in Consiglio comunale, ad esempio, che il sistema di videosorveglianza non funzionava. E' inammissibile. Si sta mandando alla rovina - aggiunge Manca - una comunità. Abbiamo poi sollecitato più volte l’utilizzo di un milione ed 800 mila euro per il Velodromo, fondi depositati in Provincia, ma nulla si è mosso. Non c’è un’idea portante per lo sviluppo. Mentre è evidente lo scollamento tra cittadini e amministratori. Sfido chiunque a trovare una novità: cosa è cambiato da due anni a questa parte?”.

La parola è poi passata al capogruppo di Volontà Popolare, Lino Guido, che dal suo canto non ha risparmiato attacchi e critiche: “Il rimpasto di giunta avvenuto a luglio -  ha affermato - è stata una manovra che ha ulteriormente sconvolto le dinamiche di questo paese. Oggi è solo grazie alle forze di minoranza se si è evitato un problema serio dal punto di vista urbanistico, bloccando la delibera sull’approvazione della “Casa della Salute”, visto l’abuso edilizio che si veniva a compiere. Ed è grazie a noi che, in linea alla normativa nazionale, è stato esteso il condono fiscale per andare a sanare la posizione di quelle persone che con difficoltà economiche non hanno potuto pagare le tasse comunali”. Ed ancora: “I problemi di questo paese - ha concluso Guido - non si possono affrontare con precarietà, tanto per citare la disorganizzazione totale nel gestire la nevicata, dopo una settimana di preavviso”.

A seguire l’intervento di Io Sud con Riccardo Giordano: “Bisogna lavorare quotidianamente per raggiungere un obiettivo – ha detto Giordano - . Proprio come è stato fatto qualche tempo fa con la vecchia amministrazione con l’assessore Pizzuto, la quale ha ottenuto ben 10 finanziamenti per i servizi sociali in soli 18 mesi. A dimostrazione che anche in poco tempo si possono ottenere grandi risultati se si hanno idee chiare”.

Dal suo canto anche Massimiliano Manca ha affermato che “8 mesi fa in occasione dell’ultimo nostro incontro pubblico con i cittadini in Piazza Falconieri, evidenziammo come fossero stati persi gli importanti finanziamenti per il Palazzo Baronale e per il Velodromo. Oggi effettivamente qualcosa è cambiato: il Comune nemmeno partecipa ai bandi”.

Ed infine l’ex assessore Noemi Puce: “Ogni manovra politica deve essere rispettata - ha chiosato - se però essa porta benefici alla comunità, è fatta con criterio ed ha rispetto verso i partiti e le persone. Rimane senza dubbio il rammarico per non essere mai stati contattati ed essere stati messi da parte a nostra insaputa. E’ brutto da dire ma i giovani della lista vincente sono stati usati solo per raccogliere consensi”.

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale
TGMonteroni.it
Supplemento online di totemgiornale.it - Registrato al Tribunale di Lecce N° 22/2012 - Direttore Responsabile: Vincenzo Paticchio - Direttore Editoriale: Eleanna Bello

WebMaster: EiX.it