Alla riscoperta delle fontanelle di strada: una storia che rivive con gli alunni del Primo Polo

È stato presentato in questi giorni il progetto “La fontana racconta…”: un’iniziativa che vedrà protagonisti gli studenti delle classi quarte e quinte della Scuola Primaria del Primo Polo di Monteroni.

Sono stati coinvolti la Pro Loco, il giornale online “Tg Monteroni” e tanti volontari che, a vario titolo, potranno offrire competenze e sostegno all’iniziativa.

Il percorso prevede la riscoperta dei tanti punti di “erogazione pubblica dell’acqua” in cui erano presenti le fontane dell’Acquedotto Pugliese per ricavarne le tante storie nate intorno ad esse con le possibili foto del tempo. Nello stesso tempo i ragazzi avranno l’opportunità di comprendere il bene prezioso che rappresenta l’acqua e la possibilità di disporne con facilità nelle nostre abitazioni ci induce spesso a sottovalutarne l’importanza.

Noi italiani, ad esempio, siamo tra i maggiori consumatori di acqua al mondo, secondi solo agli australiani; quotidianamente, per usi domestici, si consumano circa 220 litri d’acqua, a spregio del fatto che un essere umano possa riuscire a sopravvivere con circa 2 litri di acqua al giorno. A livello nazionale circa il 25%  delle risorse idriche viene impiegato nel settore industriale, il 60% nel settore agricolo; il  15% è destinato a uso domestico ed è tanto, troppo, rispetto al consumo domestico  medio del resto del mondo (dati ADAS ONLUS).

Per l’occasione è stata ricostruita una fontana a dimensioni reali, grazie alla creatività e alla disponibilità della signora Carmela Soccio; tale struttura sarà installata di volta in volta nei siti in cui un tempo tanti monteronesi si accingevano a “prendere l’acqua”. È convinzione di tutti che le vecchie fontane hanno rappresentato un vero e concreto momento d’incontro, un’opportunità di dialogo e della scoperta dell’altro; si è trattato di un fenomeno che oggi potremo definire “social nell’accezione positiva del termine di cui l’uomo sente l’esigenza. Il geometra Antonio Spagnolo, tecnico dell’Acquedotto Pugliese, ha realizzato e consegnato alla scuola, a titolo gratuito, la planimetria della rete idrica di Monteroni con il particolare riferimento dei siti in cui erano presenti le fontane.

Il presidente della Pro Loco Mino La Corte ha voluto esprimere il proprio entusiasmo: “Sosteniamo questo progetto poiché è legato alla storia delle fontane nel nostro territorio, simbolo dell’ingegno umano a servizio dell’umanità e caratterizzante il nostro fantastico paesaggio”.

La dirigente scolastica Maria Rosaria Manca ha concluso con questa riflessiomne: “La riproduzione di un prototipo che rievoca ai più piccoli un passato fatto di rituali, oggi impensabili, è espressione di una didattica laboratoriale che mette insieme le discipline, il contesto, il coinvolgimento degli attori necessari per fare dell’apprendimento un’esperienza sempre spendibile e coerente con le attese della società della conoscenza”.

BURSOMANNO

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale
TGMonteroni.it
Supplemento online di totemgiornale.it - Registrato al Tribunale di Lecce N° 22/2012  - Direttore Editoriale: Eleanna Bello

WebMaster: EiX.it