La visita sulla tomba del padre degenera in rissa. Scene da film, ieri mattina, nei pressi dell’ingresso del cimitero di Monteroni. Un negozio sfasciato, feriti al pronto soccorso e momenti di terrore. È questo il bilancio della zuffa esplosa per dissidi familiari e sfociata in una violenza inaudita.

L’ennesima lite furiosa tra ex conviventi sfocia in un arresto. Atti persecutori verso l’ex compagna, resistenza e violenza a pubblico ufficiale e danneggiamento di mezzo militare.

Si scaglia con violenza contro l’ex convivente e le provoca l’avulsione di un dente. In seguito, aggredisce anche la figlia della donna.


Un uomo di 61 anni è stato denunciato a piede libero dai carabinieri. L’episodio risale a qualche giorno fa. Ed è accaduto a Monteroni. A farne le spese è stata una donna che si era recata nell’abitazione del suo vecchio compagno per ritirare alcuni oggetti personali. La visita è sfociata però in diverbio. E nel corso dell'ennesimo litigio, l’uomo, un 61enne monteronese, è passato alle mani, aggredendo fisicamente la sua ex e spaccandole un dente. Ad assistere alla scena vi erano anche le due figlie dell'ormai ex coppia. E una delle sorelle, dopo aver preso le difese della madre, ha ricevuto lo stesso trattamento dal padre. Ed ha rimediato anche lei schiaffi e offese.

A seguito dell'aggressione, madre e figlia si sono poi recate presso l’ospedale di Copertino. E dopo essere state medicate e dimesse hanno raggiunto la stazione dei carabinieri di Monteroni per denunciare l’aggressore.  

Si tinge di giallo la vicenda che vedrebbe come protagonista un monteronese 45enne, sotto accusa per presunti abusi sessuali nei confronti della figlia 15enne. Non si esclude, però, al momento  l’ipotesi che le accuse,

BURSOMANNO

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale
TGMonteroni.it
Supplemento online di totemgiornale.it - Registrato al Tribunale di Lecce N° 22/2012  - Direttore Editoriale: Eleanna Bello

WebMaster: EiX.it