Paurosa carambola nel primo pomeriggio lungo la provinciale Monteroni-Lecce. Una vettura è uscita di strada e si è semi-ribaltata. Dinamica da brividi, ma fortunatamente nessuna grave conseguenza per la conducente.

Non si ferma all’alt dei carabinieri. Quindi, scatta l’inseguimento, poi la sparatoria e l’arresto del conducente: si tratta di David Mariani, 39 anni, originario di Terni ma residente a Monteroni. L’uomo era alla guida di un furgoncino rubato quando ha forzato un posto di blocco dei carabinieri, mettendo in atto una fuga spericolata tra le vie del centro di Cattolica, in provincia di Rimini.

Assolto in via definitiva dall’accusa di aver sequestrato una bambina, il monteronese Giovanni Giancane, 48 anni, chiede giustizia anche sul web: invoca quindi il diritto all’oblio, ma “Google” risponde picche.

 

Un incendio, divampato nel cuore della scorsa notte, ha danneggiato il gazebo in legno situato all’esterno del “New Bar Victory” di Monteroni, attività commerciale (di proprietà di un 35enne del posto) che sorge all’angolo tra viale Trieste e via Carso. È successo intorno alle 3,30. Sulle cause del rogo sono in corso gli accertamenti dei carabinieri della stazione di Monteroni, che sono intervenuti per i rilievi.

La giustizia presenta il conto: 3 anni e 6 mesi per il monteronese Vincenzo Rossetti. In queste ore, i giudici della prima sezione penale hanno emesso la sentenza di primo grado che condanna il 35enne di Monteroni per l’assalto alla farmacia “De Pascalis”, attività che sorge a Lecce in via Dalmazio Birago.

La griglia di areazione “ballerina” dai noi segnalata lo scorso settembre ha ceduto: stupore e preoccupazione per i residenti di via A. De Gasperi. Ora urge riparazione imminente. 

Tangenti per lavori alla centrale Enel: 5 arresti tra dipendenti e funzionari dell’azienda. Accolta la denuncia dell’imprenditore monteronese Giuseppe Luigi Palma.

Prima le fiamme domate prontamente dai dipendenti, poi l’invasione di fumo. Momenti di paura e concitazione, in serata, nell’area del panificio che sorge all’interno del noto supermercato “Mello” di via De Gasperi, a Monteroni. È successo nella parte retrostante dell’attività commerciale, nei locali del forno. E tutto per cause accidentali.

Una bomba-carta lanciata all’ora di punta, con il locale pieno di clienti, sull’auto del titolare, un ristoratore di Monteroni, una Nissan Qasqhai parcheggiata davanti all’ingresso del pub ristorante.

 

Ci sono tre monteronesi tra i sei indagati nell’inchiesta, che punta a fare luce su alcune presunte truffe ai danni delle compagnie assicurative, coordinata dal pm Maria Rosaria Micucci.

Pagina 14 di 21

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale
TGMonteroni.it
Supplemento online di totemgiornale.it - Registrato al Tribunale di Lecce N° 22/2012 - Direttore Responsabile: Vincenzo Paticchio - Direttore Editoriale: Eleanna Bello

WebMaster: EiX.it