L’uccisione dell’amico a quattro zampe Biondo ha colpito al cuore tutta la comunità monteronese e non solo. A muoversi per chiedere giustizia è anche il gruppo consiliare “Volontà popolare” che chiede la costituzione come parte civile del Comune, qualora si andasse a processo per quanto accaduto.

Sdegno e ribrezzo. In certi casi la vera bestia è l’uomo. E quello che è accaduto la notte scorsa a Monteroni è un esempio di indicibile vergogna umana. Qualcuno ha investito con l’auto un cane che dormiva e lo ha ucciso. Dalle immagini catturate da una telecamera installata dagli animalisti sembrerebbe un chiaro gesto intenzionale. 

Sei militari di Monteroni, deportati durante la seconda guerra mondiale, hanno ricevuto la medaglia d’onore del presidente della Repubblica: un riconoscimento alla memoria conferito dal capo dello Stato Sergio Mattarella per non dimenticare il sacrificio della loro libertà (e anche della loro vita) negli orrori della deportazione e della prigionia.

Andrà in onda questa sera, martedì 4 giugno, dalle 21.25 su Rai 1, la seconda puntata della miniserie in due episodi "Volevamo andare lontano - Bella Germania" cominciata ieri. Alcune scene della fiction sono state girate a Monteroni, all’interno della storica e monumentale Villa Misrachi.

È stata conferita ufficialmente il 2 giugno, in occasione della Festa della Repubblica, l’onorificenza assegnata dal Capo dello Stato a don Giuseppe Spedicato, parroco della chiesa madre di Monteroni.

Passeggiata in bicicletta in memoria di Elio Mazzotta, ex presidente della Pro Loco e padre fondatore della manifestazione “Bicinsieme”: ritorna quindi l’immancabile appuntamento monteronese del 2 giugno promosso dal Circolo Cacciatori col patrocinio del Comune di Monteroni e in collaborazione con 15 associazioni del territorio.

I ragazzi dell’Under 16 della Nuova Pallacanestro Monteroni campioni regionali della categoria. La compagine di coach Marco Scarpa ha vinto la finale contro il San Severo che si è disputata giovedì 30 maggio a Bari.

La Apollonio Vini Monteroni esce vittoriosa dalla gara 3 dei playoff di serie D Fase 1, che si è disputata nei giorni scorsi al PalaQuartaLauretti, e ipoteca il passaggio alla Fase 2.

Porterà il nome dell’indimenticato don Carmelo Martino la villetta di via Fiume: uno spazio pubblico che sorge nel cuore “te li Spierti”, il quartiere a cui il compianto sacerdote ha dedicato una vita intera.

Apre i battenti anche nel Salento il segretariato sociale “Rialziamoci Italia”. E la sede provinciale è a Monteroni, al civico 143 di via Dalmazia. Si tratta di un organismo di composizione della crisi (Occ) autorizzato dal ministero della Giustizia nel solco della legge 3 del 2012, conosciuta come norma “anti suicidi”.

Pagina 8 di 98

Tutti i diritti sono riservati. È vietata qualsiasi utilizzazione, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale
TGMonteroni.it
Supplemento online di totemgiornale.it - Registrato al Tribunale di Lecce N° 22/2012 - Direttore Responsabile: Vincenzo Paticchio - Direttore Editoriale: Eleanna Bello

WebMaster: EiX.it